logorcbtmp.svg

XIV Municipio

XIV Municipio (16)

Mostra di sculture nella biblioteca del Parco del Pineto

INVITO 1 3956 Page 1 630x210

Durerà un mese l’esposizione di sculture alla Biblioteca del Parco del Pineto. Si tratta delle sculture di artisti professionisti ed emergenti, presentata dalla scultrice e docente presso l’Accademia delle Belle Arti di Roma Oriana Impei il 19 maggio alle ore 10,00 presso la Biblioteca all’interno del Casale del Giannotto a via della Pineta Sacchetti. Le opere saranno esposte fino al 19 giugno.

Dopo oltre un mese riapre via Rodriguez Pereira alla Balduina

31658003 10216448783195672 6089140054371667108 n

Roma Balduina, 1° maggio 2018. Per più di un mese via Rodriguez Pereira, all’altezza di Largo Maccagno, è stata chiusa a causa della scoperta dell’ennesima voragine larga due metri e profonda quattro metri sotto la strada, avvenuta lo scorso 27 marzo a cura degli operai dell’Italgas che stavano lavorando per la posa di alcune tubazioni.

Immediatamente i Vigili del Fuoco hanno disposto la chiusura della strada, che è stata riaperta soltanto ieri, dopo che aveva fatto presa il materiale posizionato per chiudere la buca.

Il quartiere tira un sospiro di sollievo, ma rimane da sistemare l’asfalto e da ripulire l’area, dalla solita immondizia abbandonata, ma anche dalle consistenti sterpaglie che infestano non solo le aiuole di questa piazza, ma ormai tutta Roma.

Per più di un mese la viabilità è stata compromessa, e i negozianti lamentano un calo delle vendite a causa dell’inaccessibilità degli esercizi.

Paragonata a quella di via Andronico questa buca appare poco importante, ma il susseguirsi di questi episodi rende evidente l’impossibilità di continuare a gestire questo fenomeno in maniera emergenziale, e la necessità di mettere in sicurezza il sottosuolo e controllare la rete idrica e fognaria della città, anche con l’ausilio di ACEA e Italgas.

 

 

 

31636173 10216448782595657 434362165673966323 n

 

 

 

 

Via Cesare Lombroso, demoliti manufatti abusivi

26170476 1235799023230353 6856867002882441627 oLa situazione di degrado in varie zone di Roma è divenuta da tempo inaccettabile, specialmente nella zona di via Cesare Lombroso nel XIV Municipio, dove oltretutto risiedono ben due scuole superiori.

Per questo lo scorso 28 dicembre Il Gruppo XIV Monte Mario del Dipartimento della Polizia di Roma Capitale è intervenuto per la demolizione di nove manufatti abusivi in un’area di proprietà della Città Metropolitana di Roma.

Gli agenti del reparto Edilizia, Nucleo Assistenza Emarginati e Tutela Ambiente hanno svolto un’operazione ad ampio raggio finalizzata alla demolizione delle strutture irregolari e all'eventuale identificazione di persone all'interno, secondo quanto previsto dal piano di demolizione di opere abusive su aree pubbliche disposto dal Municipio XIV.

Sono state denunciate 9 persone ai sensi del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia. Tramite l'intervento di Ama e di una ditta incaricata sono ancora in corso le procedure di smaltimento dei rifiuti e dei materiali rinvenuti.

Come sempre a pagare sono i cittadini onesti, che oltre a sopportare il degrado si vedono caricati di oneri ingiusti per lo smaltimento dei rifiuti e delle macerie accumulate.

I cittadini del XIV Municipio chiedono l’apertura e l’utilizzo del Forte Trionfale

forte 2016 d0

Sono passati diversi anni dalla dismissione delle aree degli ex forti militari dal Demanio Militare e finora, sia per il Forte Boccea nel XIII Municipio, sia per il Forte Trionfale nel XIV non si intravede alcuna prospettiva di futuro utilizzo.

E intanto un patrimonio storico, culturale e ambientale si perde nel degrado: questo è anche quanto hanno lamentato le associazioni del XIV Municipio, riunitesi lo scorso giugno proprio davanti al Forte Trionfale.

Dopo il processo partecipato messo in atto dall’ex assessore all’urbanistica Giovanni Caudo, che aveva coinvolto decine di associazioni e centinaia di cittadini, e aveva portato a progetti di riutilizzo della Palazzina Missana, all’ipotesi del camminamento ciclopedonale all’interno del forte, del collegamento con le aree verdi del Pineto, del collegamento con l’ufficio postale di via Sappada, l’utilizzo dell’hangar e della creazione di una piazza davanti all’hangar, tutto tace e l’attuale amministrazione non prende alcuna posizione.

Il Cinema Balduina, il calendario dal 3 al 12 luglio

19424528 825521694292090 511905576028599588 n

Il “Cinema Balduina” è una nuova realtà presente nella zona Balduina, e precisamente nell’area della scuola Leopardi, in via del Parco della Vittoria, 30.

Si tratta di un’arena all’aperto allestita all’interno dei giardini della scuola, con una capienza massima di 200 persone, dove sarà possibile vedere film e assistere a spettacoli di intrattenimento per i prossimi 10 giorni.

A partire dal 3 luglio è previsto un calendario di film d’autore, alcuni anche recenti, preceduti da eventi di intrattenimento, a partire dalle ore 20,15.

Si inizia il 3 luglio con il film “Perfetti sconosciuti”, preceduto dalla presentazione degli organizzatori. Il 4 luglio è la volta de “La stangata” con Paul Newman, poi “La la land”, classici come “I soliti ignoti” e così via fino al 12 luglio.

Il programma è visionabile su https://www.facebook.com/events/885954131554758/

Si tratta di una bella iniziativa resa possibile per la collaborazione con i locali comitati di quartiere e da numerosi sponsor, tramite la quale è possibile, per alcuni giorni, far rivivere le atmosfere del vecchio e mai dimenticato Cinema Belsito.

Selva Candida e dintorni: buche e strade dissestate in attesa della funivia urbana

17741044 10212702908436988 1957439522 n

La bretella di via Cremolino a “Chi l’ha visto”.

Nel mese di aprile dello scorso anno la Total Erg ha presentato la sua “macchina tappabuche” a Malagrotta, un dispositivo capace di pulire le buche delle strade cittadine, di spargervi e compattare bitume e altro materiale per chiudere in maniera definitiva le numerose buche delle nostre strade.

La macchina è stata pensata soprattutto per le strade della Capitale, che da sempre sono dissestate e piene di buche.

Allora c’era ancora il sindaco Marino, e si cominciava a parlare di questa prodigiosa macchina, che è stata provata per la prima volta ufficialmente a ottobre su via Appia Nuova, pochi mesi dopo l’insediamento della nuova Giunta.

Da allora sono passati altri 6 mesi e non si hanno notizie di un ulteriore utilizzo di questa macchina, le buche però sono rimaste, specie in strade di periferia, come Via di Selva Candida, una lunga striscia di buche, alcune delle quali solo male rattoppate.

La strada qui è molto pericolosa, non solo per i pedoni, dato che mancano i marciapiedi e pensiline protette per le fermate delle autobus, ma anche per motociclisti e automobilisti, a causa della presenza di buche e avvallamenti.

17792347 10212702906716945 511138348 n

Dalla zona, molto trafficata, è molto difficile raggiungere il centro cittadino, a portata di mano sarebbe il raccordo anulare, se non fosse che la famosa bretella di via Cremolino non viene mai realizzata.

Sembrerebbe ci siano notizie sul fronte della funivia urbana tra Battistini e Casal Selce, un originale progetto di Casalottilibera che potrebbe essere risolutivo, e che la precedente giunta non ha fatto in tempo a studiare e verificare, e che potrebbe essere fatto proprio dall’attuale Giunta, ma anche qui i tempi non sembrano brevi.

Con la prossima campagna elettorale, esauriti gli argomenti, ci proporranno direttamente il teletrasporto.

Degrado e mancanza di sicurezza su via della Pineta Sacchetti

16425346 10212112788720623 1267879140 n

Il degrado continua a imperversare sulle strade della Capitale e il quartiere Aurelio - Pineta Sacchetti non fa eccezione: dopo l’incendio dell’Auditorium Aurelio, rattoppato alla meno peggio con lamiere e lasciato a morire lì, ora su via della Pineta Sacchetti staziona un camion bruciato e abbandonato.

Proprio all’altezza della Galleria Giovanni XIII, nei pressi del civico 327, da mesi è fermo il rottame di un camion bruciato, che nonostante le numerose segnalazioni dei cittadini, non è stato ancora rimosso.

Nella stessa zona viene segnalata la presenza assidua di un furgone con targa romena, che viene condotto avanti e indietro per le vie limitrofe dagli occupanti per capire quali appartamenti visitare e svaligiare: questi sono i timori dei residenti che, più volte, l’hanno visto passare vicino alle loro case.

Scene che non vorremmo vedere: forse è ora di iniziare a occuparsi in maniera seria della sicurezza e il decoro della Città più importante d’Italia. 

16425350 10212112788600620 1077149381 n

I problemi del Parco di Monte Ciocci rimangono sempre quelli

Parco di Monte Ciocci Poesia Romana

Più di tre anni fa è stato inaugurato il Parco di Monte Ciocci, ed è stata una bella conquista per i quartieri Balduina, Trionfale e Valle Aurelia, che hanno acquistato un’area verde liberandola da rifiuti e degrado, ma ancora oggi rimangono delle criticità non risolte.

Ci riferiamo agli insediamenti abusivi sul lato di Valle Aurelia e via Anastasio II, più volte sgomberati e sempre riformatisi, con grande spesa per la rimozione dei rifiuti.

I cestini dei rifiuti poi non bastano mai, occorrerebbe maggiore civiltà da parte dei frequentatori del parco, che spesso rompono le bottiglie per terra, e i cestini andrebbero svuotati più spesso.

Poi l’impianto per l’acqua nebulizzata, mai utilizzato e che è da tempo rotto, con una certa quantità di rifiuti che si cominciano ad accumulare sotto le lastre frantumate.

Il chiosco vicino all’area giochi dei bambini è ancora abbandonato, e purtroppo viene utilizzato come latrina.

Di sera e di notte, ma certe volte anche di giorno, purtroppo, entrano nel parco motorini e scooter, questo non deve essere consentito, e per questo devono essere installate delle apposite barriere che non permettano l’ingresso da via Domizia Lucilla.

Per evitare vandalismi e imbrattamenti poi, servirebbero maggiori controlli e pattugliamenti, andrebbe anche chiusa l’inferriata che porta al camminamento sotterraneo dalla parte di via Domizia Lucilla da poco restaurato, per evitare che diventi una discarica o che vi si insedi dentro qualcuno, sempre che ciò non sia già successo.

Altro incendio al Parco di Monte Ciocci

14211959 672910546195147 246776099283114276 n

Roma, Valle Aurelia, 4 settembre, Ennesimo incendio in un parco cittadino di Roma ieri pomeriggio: questa volta a farne le spese è stato il Parco di Monte Ciocci, sopra Valle Aurelia, e tutti i cittadini delle vie limitrofe, che hanno dovuto respirare miasmi tossici per tutto il pomeriggio e la serata, quando finalmente le fiamme sono state domate.

L’incendio, secondo il locale Comitato per il parco, è stato causato sicuramente da fuochi accesi da parte di persone che, di continuo, si insediano abusivamente all’interno del Parco, e riversano all’interno del Parco materiali, che poi bruciano causando l’emissione di gas tossici con notevole danno a tutti gli abitanti, per non parlare del degrado causato dalle baracche e dalle conseguenti tonnellate di immondizia.

Il problema è analogo a quello del Pineto, non c’è alcun controllo sugli accessi di questi parchi, dove vengono continuamente costruite baracche, versata immondizia e accesi fuochi, in barba a tutti i cittadini che pagano tasse altissime e hanno diritto, se non altro, a non morire avvelenati. I ripetuti e costosissimi sgomberi non servono a nulla, dato che il giorno dopo, queste persone senza fissa dimora, disperate anche loro, tornano a rifare le loro baracche nello stesso posto dove erano state cacciate il giorno prima.

14199187 672910612861807 6128732105735287289 n

Un incontro, recentemente avvenuto tra il Comitato, i vertici del XIV Municipio, alla presenza di numerosissimi cittadini e altri comitati locali, non ha finora portato ai risultati sperati e i residenti, sempre più esasperati, chiedono maggiori controlli e una forte indagine su questo fenomeno e sullo sfruttamento che c’è dietro.

La manifestazione dei Comitati di quartiere a Selva Candida

12745920 437166999809967 7899295676820581041 n

Sabato 13 febbraio si è svolta la manifestazione organizzata dal Comitato Selva Candida, con la collaborazione di Casalottilibera e del Comitato Futuro Ponderano.

Lo slogan della protesta, che si è tenuta davanti al cantiere della CMB, all’incrocio con via Gandin, è stato: “prima le strade, poi lo shopping”.

In questo cantiere, infatti, sono stati avviati i lavori per costruire un centro commerciale con 3 megastore e 70 negozi, nonché altri 300 appartamenti. Tutto questo in un quartiere che non ha strade decenti e dove, talvolta, è insufficiente anche la pressione dell’acqua. Risulta evidente che tali opere, una vera e propria cattedrale nel deserto, richiameranno ulteriore traffico e viabilità quasi esclusivamente veicolare, data anche la carenza di mezzi pubblici.

Sottoscrivi questo feed RSS
Partly cloudy

26°C

Roma

Partly cloudy
Humidity: 60%
Wind: WSW at 17.70 km/h
Wednesday
Thunderstorms
18°C / 28°C
Thursday
Thunderstorms
20°C / 30°C
Friday
Thunderstorms
18°C / 29°C
Saturday
Thunderstorms
19°C / 31°C
Massimo Lo Monaco
Editore CEO IT
Manuela Rella
Direttore Responsabile
Emiliano Frattaroli
Direttore Editoriale
Alessandro Ranieri
Giornalista
Silvana Lazzarino
Giornalista
Lorenzo Sambucci
Collaboratore
Vincenzo Calò
Collaboratore