Ti piace stare solo? Sei spesso in ritardo? Sei un genio! Lo dice la scienza!

Ti piace stare solo? Sei spesso in ritardo? Sei un genio! Lo dice la scienza!

Secondo uno studio scientifico chi possiede un quoziente intellettivo più alto ama la solitudine e non solo.

I ricercatori che hanno realizzato il progetto di studio hanno fatto un sondaggio, valutando le preferenze di oltre 14.000 persone.

Dallo studio è emerso che le persone con un bacino di conoscenze più ampie erano si felici, ma meno intelligenti, mentre chi aveva meno interazioni sociali, avevano un quoziente intellettivo superiore rispetto alla media.

Come si spiega questo esito?

Secondo gli scienziati, è tutto da ricondurre alle capacità di adattamento e sopravvivenza dell’essere umano.

In altri termini, i nostri antenati avevano bisogno del “gruppo” per sopravvivere, la maggior parte delle persone, ancora oggi fa affidamento sugli altri per vivere con più serenità, per affrontare meglio le problematiche della vita.

Per chi è particolarmente intelligente, il discorso cambia.

Le persone che hanno un quoziente intellettivo superiore alla media, sanno “badare” a loro stesse, sanno che anche se sole, possono riuscire ad ottenere grandi risultati.

Tutta una questione di “evoluzione” insomma.

Non è un caso che tutti più grandi leader della storia, siano poco “socievoli”.

In genere, infatti, chi ricopre ruoli dirigenziali si presenta come autoritario e solitario.

Spesso hanno pochi amici, ma fidati.

Attenzione: apprezzare la solitudine non significa dover o voler stare sempre e perennemente soli!

Facciamo chiarezza: le persone molto intelligenti fanno affidamento su ste stesse, sulle proprie capacità e non si appoggiano agli altri.

La loro indipendenza non va assolutamente confusa con l’incapacità o il poco desiderio di stringere relazioni umane.

Anzi.

In genere chi ha un quoziente intellettivo molto alto ha il bisogno di vivere delle relazioni sia amicali sia sentimentali autentiche.

È proprio questo costante bisogno di lealtà e sincerità che fa di loro delle persone molto sensibili, oltre che intelligenti. 

Esistono altri indizi per capire se si è molto intelligenti?

A quanto pare le persone con un’intelligenza superiore rispetto alla media, non apprezzano soltanto i momenti di solitudine e raccoglimento, ma hanno dei veri propri “rituali”.

Ad esempio, non vanno a letto presto, parlano da sole, arrivano spesso in ritardo, sono disordinate.

Persone insomma fuori dagli schemi, la cui particolarità è sinonimo di materia grigia che sgorga da tutti pori!

Secondo numerosi studi, le persone con un quoziente intellettivo oltre la media, sono inoltre bilingue, hanno una capacità innata di risolvere problemi di logica, una buona capacità di linguaggio e una particolare attenzione per il proprio corpo.

(fonte: https://www.meteoweek.com/)

Emiliano Frattaroli

Emiliano Frattaroli

Giornalista, regista, sceneggiatore. Autore programmi Rai, documentarista. Ex sportivo professionista, subacqueo e pilota aeromobili. Al momento direttore editoriale Roma Capitale Magazine e Direttore Responsabile Grazie per sempre rivista animalista. Conoscitore e scrittore di archeologia, storia e astrofisica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *