Addestrare ed educare non sono la stessa cosa: il metodo Empathy Dog, per crescere bene il cane e avere una vita felice a 6 zampe

Addestrare ed educare non sono la stessa cosa: il metodo Empathy Dog, per crescere bene il cane e avere una vita felice a 6 zampe

Solo nel nostro Paese, le case che ospitano un cane sono circa 5,9 milioni, il 27,1% dellefamiglie italiane. Una scelta che, come afferma Christian Costamagna, educatore, istruttore e formatore cinofilo, ideatore del metodo EmpathyDog, implica, oltre alla gioia di un rapporto unico e basato su un affetto incondizionato, anche un cambiamento di ritmi per adattare la propria vita con quella del nuovo arrivato. 

«Soprattutto – specifica Costamagna – c’è spesso la paura di non saper gestire le varie situazioni, così come quella di non riuscire a rendere felice il nostro amico a 4 zampe, di non capirlo o di non essere in grado di addestrarlo a dovere». Proprio soffermandosi su quest’ultimo punto, il formatore cinofilo ci tiene a chiarire che c’è una enorme differenza tra educazione e addestramento. E il primo a dover essere educato è proprio il padrone, guidato alla conoscenza della psicologia, etologia e comunicazione canina.

Cosa succede quando il cane non vuole saperne di rispondere ai comandi? La vita quotidiana diventa più impegnativa e anche potenzialmente pericolosa. Ma la disubbidienza del cane non dipende dal carattere dell’animale, dall’età, dalle esperienze vissute in passato o dalla voglia di affermare un ruolo dominante all’interno del “branco” umano. Come Costamagna evidenzia: «Solo gli uomini non possono essere educati… Un cane può essere educato e/o rieducato a qualsiasi età»

Il problema della disubbidienza, piuttosto, dipende soprattutto da un’educazione non adeguata impartita dal suo “amico umano”. Ancora oggi si pensa che, per avere un cane ubbidiente, basti insegnargli a rispondere a comandi come “seduto” o “vieni”. Ordini da impartire dietro compenso di cibo e da iniziare a far comprendere in situazioni controllate, come ad esempio all’interno di una scuola«Beh non è proprio così – avverte il fondatore di EmpathyDog – visto che il rapporto con il cane lo si vive nella quotidianità e questa si svolge prevalentemente fuori da un campo di addestramento». Gli “esercizi”, infatti, servono ma sono inutili senza la conoscenza e l’applicazione della psicologia canina

Non a caso, il metodo EmpathyDog consiste proprio nell’educare le persone alla conoscenza della psicologia, etologia e comunicazione canina. Questo permette di comprendere a fondo il proprio “peloso” e instaurare una relazione di fiducia e collaborazione. Il metodo, inoltre, prevede anche la gestione delle emozioni del cane e del suo proprietario, permettendo di vivere la quotidianità in modo semplice. Tutto questo senza usare premi in cibo per comprare la fiducia del cane e senza metodi coercitiviper sottometterlo. 

«Se parliamo di un cane – specifica Christian Costamagna – addestramento significa renderlo bravo a fare alcuni esercizi e rispondere a dei comandi. Cosa che serve sicuramente per insegnargli a fermarsi quando è necessario, per evitare che si faccia male finendo investito o mangiando qualcosa di nocivo ma…. l’addestramento non serve nella quotidianità perché l’intera giornata è fatta di vita, condivisione ed emozioni». L’addestramento è la base, come le scuole dell’obbligo. L’educazione, invece, è come l’Università.

Se il traguardo è quello di rendere il cane tranquilloserenosicuro di sé, in grado di gestire i vari momenti della giornata in casa (come lo stare da solo), saper interagire in modo corretto con persone, cani e altri animali e fare in modo che sia equilibrato… allora la soluzione è l’educazione«La cosa bella – aggiunge Costamagna – è che, grazie al mio metodo, è possibile “addestrare” il cane senza fare ore e ore di noiosi esercizi. Quando un padrone impara a instaurare un legame tenendo conto anche delle “prerogative” dell’animale, tutto diventerà naturale e spontaneo tanto da far sì che il proprio “amico” finisca con il seguirlo senza neanche dire una parola».

Vivere con un cane significa imparare a vivere e gestire un legame fisico ed emotivo speciale, che ha dell’inspiegabile e che dura per tutta la vita. Un legame basato su una fiducia che aumenta giorno dopo giorno, alimentata da sguardi e gesti. «So benequanto il condividere la quotidianità con un cane aiuti a crescere, rendendo la propria vita migliore. Riuscire in pochi giorni a ottenere dei risultati, creando connessioni e amicizie, è qualcosa che va al di là della semplice educazione… questo è EmpathyDog, esperienze, vita e semplicità»Educare, dunque, vuol dire proprio questo: condurre il rapporto tra cane e padrone a un livello di maturità più alto e questo è possibile solo a patto di conoscere la psicologia e la comunicazione canina. Questo è l’apice della relazione con un animale speciale come il cane. «Uno sguardo, un gesto e un sorriso – conclude Costamagna – e lui ti seguirà perché si fida di te e ti rispetta».

Manuela Rella

Manuela Rella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *