Bodo- Roma 6-1. Disfatta Giallorossa a Bodo

Bodo- Roma 6-1. Disfatta Giallorossa a Bodo

a cura di Francesco Chiarizio

La Roma che scende in campo a più di 2000 km da casa, a Bodo in Norvegia, per dimenticare subito l’amarezza di domenica scorsa a Torino  Mourinho mette in campo un 11 molto diverso da quello a cui ci abituati in questo inizio di stagione lasciando spazio a chi non ha visto molto il campo in questi mesi, come Reynolds, Mayoral, Kumbulla,Diawara e Perez, accompagnati da Darboe, che ormai trova molto spazio in conference, Calafiori Ibanez e Villar, che come Darboe, sta avendo molte opportunità in europa.

I primi 20’ stati molto difficili per la Roma che, nonostante abbia provato d imporre il proprio gioco si è trovata contro una formazione molto valida e che addirittura è riuscita ad andare sopra di due gol grazie alle reti di Botheim e di Berg; dopo questo uno-due micidiale la Roma si sveglia e al 28’ accorcia le distanze con C.Perez, dopo il gol la Roma cerca costantemente il pareggio ma non riesce mai a sfondare, a causa soprattutto di una prova molto deludente da parte di Borja Mayoral- il centravanti spagnolo deve fare qualcosa per scalare le gerarchie di Mourinho.

Il Bodo resta in partita dando continuamente fastidio alla retroguardia giallorossa, con degli spunti molto importanti di Pellegrino e Solbakken.

Molti cambi nell’intervallo sopratutto da parte di Mourinho che mette in campo Cristante, Shomourodov  e Mhkiarian al posto di Mayoral Villar e Darboe.

Il Bodo all’inizio del secondo tempo continua ad attaccare mettendo sotto assedio la porta difesa da Rui Patricio e al settimo minuto della ripresa Botheim trova il suo secondo gol della serata grazie a un amnesia difensiva giallorossa e con diawara.

Al minuto 60′ entrano Tammy Abraham e Lorenzo Pellegrini per Diawara e El Shaarawy, La Roma nonostante la spinta dei 400 presenti nel settore ospiti non riesce a riaprire la partita. al 71’ ne fa un altro il bodo con un inserimento da manuale di Solbakken dimenticato da Kumbulla  che poi beffa Rui Patricio con un pallonetto e sigla il 4-1 per i norvegesi, la Roma che nei minuti seguenti va in confusione, più di quanto ci sia mai stata stasera e nei minuti seguenti subisce altri due gol. il risultato finale è 6-1 con una prestazione vergognosa da parte della Roma che di certo non rende omaggio ai 400 che sono andati fino al polo nord per seguire un amore-Onore a loro.

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *