Roma 1-1 Atalanta: un punto e un gol per parte allo Stadio Olimpico

Roma 1-1 Atalanta: un punto e un gol per parte allo Stadio Olimpico

(Esultanza di Pellegrini e Cristante in occasione del gol dell’1-1 in Roma – Atalanta, fonte immagine: forzaroma.info)

Roma – Atalanta termina 1-1. La squadra di Paulo Fonseca ottiene 1 punto che muove poco la sua classifica, i bergamaschi frenano nella rincorsa alla Champions League. Al vantaggio di Malinovski risponde Cristante.

La cronaca del match

Ritmi elevati e tanta qualità nei primi minuti da parte di entrambe le squadre. I primi ad impensierire l’estremo difensore avversario sono i nerazzurri, potente ma centrale il sinistro di Malinovski che viene prontamente respinto da Pau Lopez. Rispondono pochi minuti dopo i giallorossi. Splendido lancio di Cristante a pescare in profondità Džeko, Gollini interviene con i pugni sul cross del bosniaco e Djimsiti mura la conclusione a rimorchio e a botta sicura di Pellegrini. Occasioni da una parte e dall’altra, Zapata a tu per tu con Pau Lopez si lascia ipnotizzare dall’ottimo senso della posizione dello spagnolo che respinge il destro del colombiano. L’Atalanta con tre passaggi arriva in porta, ma a dire di no ad Ilicic è ancora una volta il portiere giallorosso.

Al minuto 26 si sblocca il match. La Dea sviluppa il gioco da destra verso sinistra, Gosens pesca perfettamente in area di rigore Malinovski che con il sinistro gira il pallone in porta e fa 0-1. Costruzione dal basso continua della Roma ed errori continui in questo senso da parte dei padroni di casa. Villar perde un pallone sanguinoso nella propria area di rigore, ci mette una pezza importante Pau Lopez che salva sulla conclusione di Freuler. Le squadre rientrano negli spogliatoi al termine dei primi 45 minuti, per numero di occasioni da gol prodotte è certamente meritato il vantaggio nerazzurro.

Assedio da parte dell’Atalanta in avvio di secondo tempo. A sfiorare il gol del raddoppio è Romero, il suo sinistro a giro termina di un soffio a lato rispetto alla porta giallorossa. Prova a reagire la squadra di Paulo Fonseca. Splendida azione corale e poi personale di Mkhitaryan, che con il sinistro dal limite dell’area spara alto. Pochi minuti dopo occasione monumentale sprecata da Muriel, il colombiano a porta spalancata non trova clamorosamente lo specchio della porta mancando la rete del raddoppio. Al minuto 69 Gosens, già ammonito nel corso della prima frazione, effettua un fallo imprudente e ingenuo su Veretout. Il direttore di gara Calvarese punisce l’esterno tedesco con il secondo giallo, bergamaschi quindi in 10 uomini.

Spinge la Roma, forte anche della superiorità numerica, alla ricerca del gol del pareggio. Assist dalla corsia di destra per Džeko, gran giocata del bosniaco che si gira su Palomino non trovando però la porta con il sinistro a giro. Al minuto 75 entra in vigore la legge del gol dell’ex, Cristante sfodera un destro straordinario dalla lunga distanza trovando l’angolino basso e conseguentemente il gol dell’1-1.

Ad un passo dal gol della rimonta Edin Džeko, a tu per tu con Gollini il bosniaco non angola abbastanza la conclusione trovando comunque una gran risposta da parte dell’estremo difensore ospite. A pochi minuti dal 90esimo è ancora una volta il numero 9 romanista a rendersi pericoloso, il suo colpo di testa da distanza ravvicinata termina poco alto sopra la traversa. In pieno recupero Gollini si rende ancora una volta protagonista con una gran risposta sull’insidiosa conclusione di Carles Pérez. Nel giro di un minuto due falli di Ibañez costano al brasiliano due cartellini gialli, è quindi ristabilita la parità numerica. Termina il match sul risultato di 1-1. Amaro in bocca per entrambe le squadre, l’Atalanta non chiude la pratica sullo 0-1 mentre la Roma sfrutta solo a metà la superiorità numerica non riuscendo a ribaltare completamente il risultato.

Le pagelle

Pagelle Roma

Pau Lopez 7: tante parate non impossibili ma importanti quelle del portiere spagnolo, assolutamente incolpevole sul gol del momentaneo vantaggio nerazzurro.

Mancini 6: piuttosto concentrato, determinato e pulito il numero 23. Discreta partita del leader difensivo giallorosso, luci e ombre contro un Zapata difficilmente contenibile.

Cristante 7: qualche piccolo errore in fase di copertura e di disimpegno, ma più volte pesca in profondità i suoi compagni con lanci di una precisione straordinaria. La stessa precisione che trova nel secondo tempo con un tiro poderoso dai 30 metri, il gol del pareggio è il suo.

Ibañez 5: Malinovski fa un gran gol e l’assist di Gosens è perfetto, ma il difensore non stringe abbastanza la marcatura e non riesce a contenere l’ucraino. In pieno recupero prende due cartellini gialli che gli costano l’espulsione e la squalifica per la gara di Cagliari.

Karsdorp 5,5: troppi errori tecnici e di posizionamento dell’olandese. I maggiori pericoli creati dall’Atalanta, compreso il gol del vantaggio, provengono dalla sua fascia di competenza.

Villar 5: continua il momento no del giovane centrocampista spagnolo, che non sembra più sicurissimo dei suoi mezzi tecnici in mezzo al campo. Perde un pallone sanguinoso che rischia di costare il gol del raddoppio nerazzurro. Fa pochissimo filtro a centrocampo, prende un cartellino giallo ma il fallo è tattico e intelligente.

Veretout 6: tanta corsa, come sempre, da parte del francese. Si vede un pochino di più in fase offensiva rispetto alle ultime gare, ma complice il recente infortunio il numero 17 non è ancora al top della forma. Subisce il fallo che porta al doppio giallo e alla conseguente espulsione di Gosens.

Calafiori 6: qualche sbavatura ma anche qualche buona giocata in fase di spinta. Un fallo tattico piuttosto intelligente su Zapata gli costa il cartellino giallo, lascia il campo all’intervallo per un problema fisico.

Pellegrini 7: corre tantissimo il capitano giallorosso. Le più grandi ripartenze della Roma, poi sprecate dai suoi compagni, passano per i suoi piedi e per le sue giocate. Straordinaria la qualità messa al servizio della squadra, manca solo la giocata decisiva.

Mkhitaryan 5,5: poco incisivo l’armeno. Fisicamente sembra stare meglio, ma manca un pochino di lucidità e di imprevidibilità nelle sue giocate.

Dzeko 6,5: nel primo tempo non riesce praticamente mai a girarsi fronte alla porta difesa da Gollini, ma il bosniaco lotta al centro dell’attacco e lo fa con qualità e generosità. Nella seconda frazione ha un paio di opportunità per trovare il gol, manca la zampata vincente per alzare un voto comunque più che sufficiente.

Bruno Peres 5 (dal 45′ s.t.): entra e si piazza sulla fascia sinistra, poi passa a destra ed infine torna di nuovo a sinistra. In totale confusione il brasiliano, poco lucido anche nelle scelte.

Carles Pérez 6 (dal 76′ s.t.): non ha troppo tempo per incidere, la prestazione è anonima fino al tiro sul finale che impegna pericolosamente Gollini.

Borja Mayoral S.V. (dall’85’ s.t.): scampolo di partita per lo spagnolo.

All. Paulo Fonseca 6: i primi 20 minuti dei suoi giocatori sono assolutamente apprezzabili e ben giocati, dopo il vantaggio nerazzurro la squadra si scioglie come neve al sole sotto ai continui colpi dell’Atalanta. A tenere ancora a galla la Roma è Pau Lopez, al termine del primo tempo i tiri sono 11 a 2 a favore dei bergamaschi. In avvio di secondo tempo la musica non cambia e l’Atalanta va vicina più volte al gol del raddoppio, l’espulsione di Gosens dà una svolta alla gara e la Roma è brava a sfruttarla per trovare il gol del pareggio.

Pagelle Atalanta

Gollini 6.5; Djimsiti 6.5, Palomino 7, Romero 6.5; Maehle 6.5, De Roon 6, Freuler 6.5, Gosens 5; Malinovski 7 (dal 59′ s.t. Pasalic 5.5), Ilicic 6 (dal 59′ s.t. Muriel 5); Zapata 7 (dal 73′ s.t. Toloi 6). All. Gian Piero Gasperini 6.

Leonardo Cocchi

Leonardo Cocchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *